giovedì 4 febbraio 2016

Favata

La favata di giovedì grasso è il piatto tipico di carnevale preparato un po' in tutta la Sardegna. In pratica è una saporitissima zuppa a base di fave e cavolo verza, arricchita da carne di maiale. I cultori della tradizione usano tutte le parti del maiale... piedi, nasi ed orecchie nelle vere favate vengono cucinati interi e fanno capolino dalla zuppiera! 
Dopo un piatto cosi “leggero” la tradizione vuole che si mangino le frittelle lunghe
(la ricetta la trovi QUI).

soup with pork and vegetables














Cosa ti occorre per 8 - 10 persone: carne di maiale di taglio misto (1 pezzo da 1 kg di polpa di coscia – 1 pezzo da ½ kg di pancetta - ½ kg di costine – ½ kg di piede tagliato a pezzi) – 2 salsicce sarde stagionate non troppo secche – 300 gr di lardo salato – ½ kg di fave secche – 1 cavolo verza – 4 cipollotti – 2 finocchi tondi – 2 mazzetti di finocchietto selvatico - sale q.b. -  3 ore abbondanti di tempo

Come devi fare: metti le fave a bagno in acqua tiepida dalla sera prima. Al momento di cucinarle sciacquale per bene e mettile sul fuoco in un capiente pentolone con circa tre litri di acqua tiepida. Taglia ogni salsiccia in 6 pezzi, la polpa e la pancetta in 2 pezzi ciascuna e, quando l'acqua prende bollore, aggiungi pian piano tutte le carni, la salsiccia ed il lardo. Taglia a fettine i cipollotti ed i finocchietti selvatici ed aggiungili alla zuppa.
Prepara i finocchi tagliandoli a fettine, taglia in otto parti il cavolo, separa per bene le foglie e metti tutto da parte. Nel frattempo lascia bollire la zuppa per un’ora e mezzo circa e comunque sino a quando le fave saranno quasi cotte, assaggia il brodo e, se è il caso, aggiungi un pugno di sale grosso.
Aggiungi ora i finocchi e pian piano le foglie di cavolo in modo che la zuppa non perda mai il bollore. Controlla le carni e, man mano che risultano cotte toglile, tagliale in pezzi da boccone e tienile da parte in caldo. 
Dopo circa un'altra ora e mezzo, quando anche i finocchi ed i cavoli saranno stracotti, rimetti tutto insieme, fai bollire ancora un po’ ed eventualmente aggiusta di sale.
Posta un commento