venerdì 22 gennaio 2016

Krapfen

Dalla Sardegna all'Alto Adige, la mia seconda patria. Sofficissimi e dolcemente ripieni di marmellata di albicocca, i krapfen delle pasticcerie di San Candido erano i protagonisti della merenda al rientro dalle meravigliose passeggiate nei boschi.
















Cosa ti occorre per 24 krapfen: 600 gr di farina Manitoba (tipo 0) - 4 uova – 100 gr di zucchero – 120 gr di burro – 1 pizzico di sale – 1 bicchiere di latte – 40 gr di lievito di birra – la scorza grattugiata di 1 limone non trattati - olio di semi per frittura (o strutto) – marmellata di albicocche q.b. - zucchero a velo q.b.

Come devi fare: sciogli il lievito nel latte appena tiepido con un cucchiaino di zucchero, metti la farina a fontana sul tavolo, sistema al centro lo zucchero, il sale, le uova, il burro ammorbidito, la scorza di limone grattugiata e per ultimo il lievito sciolto nel latte. Impasta, per bene lavorando la pasta sino a che non diventa liscia ed elastica e si stacca dal tavolo (oppure usa l'impastatrice). Metti l'impasto in una ciotola, coprilo con un canovaccio e lascialo lievitare nel forno intiepidito a 30° per almeno 2 ore, l'impasto deve raddoppiare di volume. Dai una rigirata veloce all'impasto, poi mettilo sul tavolo ben infarinato e, con il mattarello stendilo sino ad ottenere una sfoglia di circa ½ cm di spessore. Con un coppapasta da 6 cm taglia la sfoglia in dischi, metti al centro un cucchiaino di marmellata, bagna il bordo con un pochino d'acqua e ricopri con un altro disco avendo cura di chiudere bene i bordi. Lascia riposare i krapfen, sempre in un luogo tiepido, per un'altra ora.

Friggi i krapfen in olio caldo ma non bollente, rigirandoli su entrambi i lati fino a che non sono ben dorati, scolali sulla carta da cucina e spolverali di zucchero al velo.
Posta un commento